Comune di Carsoli

S. Maria in Cellis

Articoli / In evidenza
Inviato da staff 14 Giu 2007 - 17:46

Il primo febbraio del 1000 il conte dei Marsi Rainaldo II, figlio di Berardo I, fondo il monastero di Sancte Marie in Cellis, territorio Carseolano e vi insediò come suo abate Dodone. Di nessuna consistenza sono le ipotesi che questa sia la chiesa che divenne, dal 1050 al 1056, cattedrale della nuova e breve Diocesi Carseolana del vescovo Attone, figlio del Conte dei Marsi Oderisio II: in realtà la sede episcopale va riconosciuta nella vicina Sancta Maria in Carseolo posta sulle rovine della vecchia città romana di Carseoli, come abbiamo gia detto per il capitolo dedicato alla città antica. Nel dicembre del 1060 il monastero passo definitivamente fra i possessi dei monaci di Montecassino e vi rimase fino agli inizi del XVII secolo. Vedi sezione  CHIESE E MONUMENTI [1]

Questo articolo stato inviato da Comune di Carsoli
  http://carsoli.terremarsicane.it/

La URL di questo articolo :
  http://carsoli.terremarsicane.it/modules.php?op=modload&name=News&file=article&sid=6

Links in questo articolo
  [1] http://carsoli.terremarsicane.it/index.php?module=CMpro&func=listpages&subid=2&phpMyAdmin=253a5892176f40771ad1b46998e39ee1